Il Mistero in Internet Chi siamo  Contatti   Site map    Cerca   Edicola Home  
EdicolaWeb 2011  
Nonsoloufo - Ufo and much moreClicca qui per prelevareARCHEOMISTERI - I quaderni di Atlantide
Cerca negli articoli
Consulta le rubriche
  News
  Approfondimenti
  Archeologando
  Cercando il Graal
  Para Martia
  Atlante segreto
  Luci dei Maestri
  Decriptare la Bibbia
  Arcani enigmi
  Icone del tempo
  Altra dimensione
  Dal mondo eterno
  Viaggiatori del Sacro
  L'uomo e l'aldilà
  Oltre l'Orizzonte
  Approfondilibri
  Ufostorie
  Sentieri infiniti
  Usciamo dal tunnel
  Gli inserti stampabili
  Gli articoli dei lettori
  I racconti dei lettori
  La nostra Biblioteca

Consulta le riviste
  Hera
  Archeomisteri
  UFO Notiziario
  Stargate
  Notiziario Ufo
  Ufo Network
  Dossier Alieni
  Extraterrestre
  Ali Dorate

Registrati adesso
Lo spazio dei lettori
  Appuntamenti
  Invia i tuoi articoli
  Invia i tuoi racconti
  Richieste di aiuto

 

RETRODATATI A 195.000 ANNI
I PRIMI ESEMPLARI DI HOMO SAPIENS



Il Giornale
28 gennaio 2011

 
 

"L'Osservatore Romano", riporta un articolo di Louis Godart che cita la scoperta archeologica effettuata da una équipe greco-americana a Plakias, una piccola località dell'isola di Creta di fronte al Mar Libico.

Louis Godart La scoperta consiste in materiale litico composto da oltre 2.000 utensili in pietra tra asce, raschiatoi, perforatori, scalpelli.
Straordinaria è la sua datazione, risalente a circa 130.000 anni fa. L'archeologa greca Eleni Panagopoulou ritiene che la fase di occupazione del sito sia addirittura molto anteriore a tale periodo.
La domanda è: chi sono stati i creatori dei manufatti? I Neandertal o i Sapiens sapiens?
I primi esemplari di tale specie, che si ritiene - secondo la paleontologia - partita dall'Africa orientale alla conquista dell'Europa e dell'Asia solo 65.000 anni fa, viene in effetti ufficialmente retrodata a circa 200.000 anni fa.
Creta si è staccata dal continente oltre cinque milioni di anni fa ed è escluso dagli esperti che un abbassamento del livello del mare o un periodo di glaciazione abbiano consentito di raggiungerla via "terra"; quindi nel pleistocene qualcuno ha raggiunto Creta via mare, trasformando l'approdo in un quesito privo di risposte.
Inoltre, dato che i manufatti sono di ossidiana, hanno affrontato centinaia di chilometri di mare aperto per procurarsi a Milos il materiale necessario. Di conseguenza, una migrazione dall'Africa a Creta nel pleistocene non è più un'ipotesi.
È in evento che "rivoluziona le nostre conoscenze sul più lontano passato del Mediterraneo", come scrive Godart.
Tali scoperte riscrivono pagine di storia. È tempo che il genere umano perda la sua arroganza e si renda conto che è soltanto una delle tante specie senzienti che si sono imbarcate su questa nave chiamata Terra, che ha vita propria, lanciata nell'infinità dello spazio.

a cura di Mauro Paoletti


									

vai alla visualizzazione stampabile   invia questa notizia ad un amico

imposta Edicolaweb come Home       aggiungi Edicolaweb a Preferiti


									Copyright © 2011 EdicolaWeb - Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.
									
[Edicola home][Archeomisteri home][inizio News][News seguente][News precedente]  Tutte le News
  di Edicolaweb...
[Edicola home][Archeomisteri home][inizio News][News seguente][News precedente]
 
UFO NOTIZIARIO - Il nuovo numero in edicola ed in abbonamento
HERA - Il nuovo numero in edicola ed in abbonamento
I MISTERI DI HERA - Il nuovo numero in edicola ed in abbonamento
Nostre realizzazioni



  BibbiaWeb

  Interkosmos

  OdontoStudio

La civiltà di Marte - Gianni Viola

Edicola Home | Chi siamo | Contatti | Site map | Cerca | Registrazioni | Links | Appuntamenti
info@edicolaweb.net  
Per i contenuti tutti i diritti sono riservati alle società proprietarie delle riviste pubblicate
EdicolaWeb